La Francigena
dei Pellegrini

 

|

|

|

|

|

|

La Guida

In Hoc Signo ...

 

La Confraternita di S.Jacopo di Compostella

clicca qui per ingrandire l'immaginePoniamo all'attenzione di tutti i pellegrini i nuovi segni che stanno apparendo sempre più frequenti sulla Via. Sono stati posti da pellegrini o da volontari di Pro Loco e di piccoli Comuni che credono che la VF nascerà dal basso e grazie al contributo di tutti quelli che vivono veramente sul territorio, che lo conoscono, lo curano e lo proteggono. Pellegrini che sanno dove camminare e abitanti che sanno come proteggere e curare un percorso attraverso il proprio territorio. Solo così potrà vivere veramente la Via.

Qui raccogliamo i primi significativi contributi. Di alcuni sappiamo la paternità. Di altri possiamo solo immaginarla.


clicca qui per ingrandire l'immagine

clicca qui per ingrandire l'immagine

I tipi di segni qui fotografati indicano la giusta Via, quella veramente fatta per il pellegrino, colui che, non ci stancheremo di dire mai, vuole arrivare in fondo al cammino, saltare più tratti possibile di asfalto e di strade pericolose ma non vuole andare inutilmente su deviazioni turistiche dispendiose e faticose. Quella così segnata è la Via del pellegrino che in fondo al suo cammino avrà veramente fatto centinaia di chilometri, il pellegrino che non cercava la gita fuoriporta.

clicca qui per ingrandire l'immagine

clicca qui per ingrandire l'immagine

clicca qui per ingrandire l'immagine


I segnali da cercare sono la sagoma gialla del pellegrino e le frecce: bianca verso Roma e gialla verso Santiago. Importante è la doppia direzione perché sempre di più sono i pellegrini che percorrono la via partendo da Roma per arrivare a Santiago o per andare verso est e poi scendere per la Jugoslavia verso Gerusalemme.

clicca qui per ingrandire l'immagine

clicca qui per ingrandire l'immagine

clicca qui per ingrandire l'immagine


Ci auguriamo che presto altri volontari possano aiutare i pellegrini completando e integrando l'azione di chi già ha molto lavorato.

Rimane davanti ai nostri occhi e nel nostro cuore la memoria di chi per primo tracciò la strada per il pellegrino lungo il Cammino di Santiago. Ora i suoi primi segni sono diventati ufficiali e pochi conoscono la vera storia. Per questo ve la riproponiamo alla vostra riflessione (clicca sulla freccia gialla).


    Ultreya

 


Ultimo aggiornamento 12 luglio 2006

 
 

Vai alla Homepage della Confraternita
 Home